Compagno Paolo Vinti

Da Wikidonca.
Jump to navigation Jump to search

Personaggilogo.png    Personaggi Perugini


Paolo Vinti
L compagno Paolo Vinti]]
Nascita Perugia, 31 luglio 1960
Morte Perugia, 28 novembre 2010

Il Compagno Paolo Vinti, vero nome Paolo Vinti (Perugia, 31 luglio 1960Perugia, 28 novembre 2010), è stato un “leggendario compagno”, poeta di strada e performer, rivoluzionario, chiosatore dei classici del marxismo, tenace sostenitore dell’ipotesi comunista (“ipotesi” era forse la sua parola preferita), teorico della sinistra perugina.

Un compagno "strano" come "strana" è tanta "sana" sinistra, ma una persona che tutti sentivamo "fratello", subito ed istintivamente.

Biografia

Giornalista e animatore culturale, fratello di Stefano (segretario regionale di Rifondazione Comunista ed assessore regionale), era redattore di un foglio di temi politici ed era una figura notissima a Perugia, soprattutto in corso Vannucci, dove scambiava spesso opinioni politiche con i protagonisti della vita culturale della città e dell’Umbria. Tra i tanti episodi che lo riguardano, il pranzo con lo scrittore argentino Osvaldo Soriano, incuriosito da una battuta che Paolo gli rivolse per strada. Erano un must i suoi roboanti discorsi, che davano più carica di un caffé doppio.

Paolo era una presenza ineludibile in Corso Vannucci, a Perugia. Occhialuto, di mezza età, con possente voce baritonale, un volto e un corpo che dovevano averne viste e vissute di cotte e di crude.

L compagno Paolo Vinti in Piazza della Repubblica

Immancabili le sue declamazioni. Nel linguaggio di Paolo, la “declamazione” era una sorta di comizio poetico fatto di anafore, ripetizioni cicliche, digressioni solo apparenti, in versi liberi che frullavano tutti i linguaggi della storia della sinistra e dei movimenti. Gli elementi subito riconoscibili erano: una riproposizione sul filo della parodia della “lingua di legno” terzinternazionalista; certe formule “gruppettare” anni ’70; pezzi di terminologia di Louis Althusser (che Paolo doveva conoscere bene); infine, frammenti di utopie hippie screziate di fantascienza.

La cosa peculiare è che, ovunque le improvvisasse, le sue declamazioni non erano mai fuori tema. C’era nel declamare, nel versificare di Paolo Vinti, una puntualità, un’esattezza, una precisione non tanto dei concetti quanto delle immagini: Paolo trovava sempre l’immagine più sorprendente, quella che ti riconciliava con tutta la tua (e la sua, e la nostra) storia, offrendone una visione olistica: il bello e il brutto, gli sbagli e le conquiste, le meraviglie e l’orrore, la libertà e il Terrore e di nuovo la libertà. Una delle sue strategie retoriche preferite consisteva nell’affastellare nomi di paesi, di partiti, di gruppi guerriglieri, di rivoluzionari e filosofi, componendo l’affresco di un “super-fronte popolare” che comprendeva tutti, ma proprio tutti: stalinisti e trotzkisti, anarchici e socialdemocratici, maoisti e preti operai… Da Romano Prodi a Pol Pot. L’effetto era irresistibile. Seriamente esilarante.

Immancabile la sua camicia sbottonata e le due cravatte portate a tracolla, in segno di ribellione al perbenismo borghese.

Il Compagno Paolo Vinti si è spento la mattina del 28 novembre 2010, dopo essere stato colpito da un ictus pochi giorni prima ed essere entrato in coma irreversibile. Con Paolo se ne è andato un grande, di sicuro un uomo onesto.


Ci mancherai Paolo, compagno leggendario...

...con emozione, con emozione altissima, i ragazzi di Wikidonca.

Citazioni

...con emozione altissima...
 (cit. Paolo Vinti)
...compagno leggendario...
 (cit. Paolo Vinti)
Buon anno e buon inizio millennio compagni e compagne!!!
 (cit. Paolo Vinti)
L'ipotesi è quella della strutturazione della libertà nello spazio. L'ipotesi è quella della costruzione dell'abolizione dei limiti.
 (cit. Paolo Vinti)
Con emozione, sì, con emozione altissima saluto i leggendari compagni di Wu Ming. L’ipotesi è: la letteratura, la memoria storica, il conflitto...
 (cit. Paolo Vinti)
ha vissuto come ha fatto politica, ha fatto politica come ha vissuto
 (cit. Paolo Vinti, alla morte di Assuero Becherelli)

Links

si ringrazia dei contributi la Wu Ming Foundation e tutti coloro che hanno raccontato tramite la sua pagina Facebook, storie, aneddoti, affabulazioni...