Apri il menu principale
Cos'è Wikidonca?
Wikidonca è un dizionario online in perugino ispirato a wikipedia. Il sito è completamente gratuito e si sostiene con donazioni volontarie degli utenti o tramite i circuiti pubblicitari.
Caratteristiche

Wikidonca deve il suo nome dalla composizione della parola wiki, termine hawaiano che significa "veloce", e da Donca, parola che in dialetto perugino significa "dunque, allora", ma spesso usata come sinonimo del dialetto perugino stesso, il DĂłnca appunto.

Storia
Wikidonca è un sito, un’idea nata per scherzo nell’agosto 2008 da due perdigiorno, ovvero da me (Riccardo Cesarini) e Diego Barbarelli, due amici di Perugia (Diego è orgogliosamente di Mantignana, lo specifico, non vorrei che se la prendesse), quando tra una chiacchiera e l’altra abbiamo pensato che forse sarebbe stata una buona idea creare un supporto alla ricerca e alla catalogazione delle parole in dialetto su quella che è la più grande fonte di informazione esistente al giorno d'oggi: internet.

Fino ad allora era praticamente impossibile cercare parole/modi di dire attraverso una semplice ricerca su Google. Chiunque avesse voluto scoprire il significato di parole sentite dire per strada, o tra amici o in famiglia, e di cui non conosceva il significato e l’origine, avrebbe dovuto necessariamente acquistare una pubblicazione, in alternativa a rimanere col dubbio. Questo, nell'idea di dialetto patrimonio popolare e di lingua "volgare" (nel senso di volgo, popolo, come parte più numerosa seppur anonima di una collettività), sembrava una contraddizione. Abbiamo quindi deciso di mettere una toppa a questa mancanza, anzi una vera e propria lacuna consilidata e rimarcata dal fatto che (a quanto ci risulta) in termini cronologici Wikidonca sia stato il primo dizionario dialettale online d'Italia a vedere la luce. Un passo indietro. Nelle stesse settimane in cui stava nascendo Wikidonca, a pochi chilometri di distanza, dalle parti di Pretola per l’esattezza, stava vedendo la luce il Corzo de Perugino di Diego Mencaroni che, anche lì tra il serio ed il faceto, aveva creato una serie di 15 serie di lezioni semiserie su lingua, tradizioni e costumi locali; uno spettacolo proposto e messo in scena al Cinastik di Via dei Priori insieme all’attore Leandro Corbucci un po' per scommessa e un po’ per gioco, al fine di riempire una di quelle serate che da sempre sono sinonimo di apatia tra il fine estate e l’inizio dell’autunno, ovvero il lunedì.

Su consiglio di un amico, Claudio, partecipai a queste serate nella veste di spettatore/allievo in quella geniale "scuola" che era stata creata con tanto di professori, bidelli (il personale del locale) e compiti in classe (i "quizzi"). Purtroppo il Cinastik ebbe breve vita, ma il Corzo di Perugino fu il suo canto del cigno, riscuotendo un grande successo e registrando il pienone in tutte le serate. Alla fine del ciclo di serate, una volta fatta conoscenza con Diego e parlandoci, rivelai che dietro al sito c'ero io. Rimasi stupito dal fatto che lo conoscesse, essendo di fatto nato da poche settimane. Da quel momento fu naturale l'idea di collaborare per il futuro, sempre sotto il nome di Corzo di Perugino e con una formazione che non è mai mutata da allora: Mencaroni, Corbucci, Cesarini. Quindi, oltre alla presenza online di Wikidonca (sito e pagina facebook), l'accoppiata Corzo de Perugino - Wikidonca dal luglio 2009 ha collezionato più di 100 date sparse in giro per la provincia tra bar, circoli, piazze, sagre, locali, teatri e persino scuole medie e superiori, sempre con un buon seguito di pubblico. Tra le varie creazioni possiamo anche annoverare la prima Tombola con smorfia in dialetto perugino, messa in scena già nel dicembre 2009 al circolo del Tempo Bòno e riproposta in una decina di occasioni per iniziative di solidarietà. Quello che abbiamo raccontato in tutti i luoghi dove il dialetto viene "imparato" (perché in perugino non esiste il verbo insegnare) è stato raccolto in un libro intitolato Manuale di Peruginitudine, pubblicato da Morlacchi Editore nel 2012.