Sandri

Da Wikidonca.
Versione del 20 nov 2009 alle 13:24 di Cesarinik (discussione | contributi)
(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)
Jump to navigation Jump to search

Toponomasticalogo.png    Toponomastica


La pasticceria Sandri

Corso Vannucci 32, davanti all'innesto sul corso di via dei Priori.

Sandri, la più antica pasticceria dell'Umbria, inserita nei "Locali storici d'Italia" e nella classifica dei World's Best Bars di "Newsweek", iniziò l'attività intorno alla metà dell'Ottocento. Erano gli anni in cui si andava costruendo l'unità d'Italia e lo svizzero Jachen Schucani portava con sè le esperienze dell'arte dolciaria d'oltralpe. Il Sandri ha cominciato a chiamarsi così negli anni Venti, quando a gestirlo in qualità di tutore fu Nicola Zonder, svizzero cresciuto in Italia e costretto dal regime a italianizzare il cognome. Tutore volontario giunto a salvare il patrimonio del giovanissimo Guglielmo, figlio del suo defunto amico Claudio, del quale i tutori veri, quelli nominati dal tribunale, stavano velocemente dilapidando l'eredità. E' il 1860, il Corso, non ancora intitolato a Vannucci, sta cambiando faccia: magazzini, depositi e stambugi diventano negozi per esporre e vendere merci. Jachen Schucani, che ormai è diventato Giacomo Schucani, trova uno spazio ideale per la sua bottega nelle ex scuderie di Palazzo della Corgna, un locale lungo e stretto, ma con ideale collocazione su quella che, da secoli, è per antonomasia la passeggiata dei perugini.

Tratto dal sito PasticceriaSandri.it